Parroco

Don Alessandro Astratti ( Parroco)

Don   Alessandro Astratti        

Don Alessandro Astratti è nato nella parrocchia di S. Pietro Capofiume, una frazione del comune di Molinella, il 2 marzo 1967.

 

Nel suo paese natale ha frequentato le scuole elementari e ha ricevuto il Sacramento del Battesimo e la Santa Comunione dall’allora parroco Don Adriano Rivani. Il 6 maggio 1978  ha ricevuto la S. Cresima da S. E. Mons. Natale Mosconi Arcivescovo di Ferrara.

 

Dopo le scuole medie si è diplomato Geometra all’Istituto Tecnico Statale “G. B. Aleotti” di Ferrara nel 1987 ed è entrato nel settembre successivo nel Seminario Regionale di Bologna dove ha frequentato gli studi teologici.

 

Candidato al sacerdozio il 15 aprile 1989, è stato istituito Lettore il 28 gennaio 1990 ed è diventato Accolito il 21 aprile 1991.

Per le mani del Card. Giacomo Biffi ha ricevuto nella Cattedrale di S. Pietro in Bologna il Ministero Diaconale il 10 ottobre 1992 e il Presbiterato il 18 settembre 1993.

Ha svolto il servizio come Diacono nella parrocchia di S. Giacomo della Croce del Biacco alla periferia di Bologna, e come primo incarico da Sacerdote nella Parrocchia di S. Maria Assunta di Castelfranco Emilia dall’ottobre 1993 al settembre 1998, prima come Cappellano e per un breve periodo come amministratore parrocchiale.

 

Per quattro anni, fino al settembre 2002, è stato cappellano a S. Paolo di Ravone in Bologna quando è stato nominato dal Card. Biffi Arciprete delle parrocchie di S. Savino di Crespellano e di S. Maria Nascente di Pragatto nelle quali ha fatto l’ingresso il 3 novembre 2002, in qualità di Parroco.

Don Alessandro è Assistente Ecclesiastico (AE) dell’AGESCI dal 1994, prima del Gruppo Scout Castelfranco Emilia 1 e poi del Bologna 1; in seguito l’Arcivescovo lo ha nominato Vice-Assistente Diocesano per la Branca RS (Rover e Scolte).

 

 

Dal Bollettino di Dicembre 2011 :

 

” ….Mi piace ricordare il primo incontro che ebbi con Monsignor Ivo Manzoni in un pomeriggio dell’ autunno del 1998, quando arrivai per la prima volta a celebrare la Messa dei giovani un giovedì sera : il parroco prima di spiegarmi ogni altra cosa mi accompagnò in chiesa per salutare Gesù che si trovava sul tabernacolo, cosicchè ci inginocchiammo insieme sui gradini dell’ altare per recitare insieme una preghiera. Subito dopo mi fece voltare indietro per guardare verso la porta di ingresso il rosone della chiesa, e mi fece notare il passo della seconda lettera ai Corinzi : CARITAS CHRISTI URGET NOS (2 Cor 5,14 ), “Lui, è il Padrone di casa”, mi disse Don Ivo, e questa è la motivazione che ci sprona nel nostro servizio sacerdotale. In quel giorno non avrei mai immaginato di potermi trovare nella posizione sua di Parroco ….”

1 comment

  1. Don Alessandro , il curatore del Sito ti ha censito come sottoscrittore

Lascia un commento